Una Nuova Superpotenza nella Creazione: un’Azione Collettiva basata sulla Consapevolezza — Otto Scharmer

tradotto da Paolo Fedidall’articolo originale in inglese di Otto Scharmer

Grafica di Kelvy Bird

Tre settimane fa, ho pubblicato alcune riflessioni su ciò che stiamo imparando dal corona e dall’azione per il clima. Data l’ampia diffusione del post (150.000+ visualizzazioni fino ad oggi), volevo condividere un aggiornamento rapido. L’idea conclusiva del post — di lanciare un’infrastruttura globale improvvisata per appoggiarsi al nostro attuale momento di disgregazione e lasciare che questo momento ci spinga verso il rinnovamento della civiltà — ha rapidamente preso forma.

GAIA — Global Activation of Intention and Action — è stata implementata solo dodici giorni dopo che ci siamo inventati l’idea in una piccola conversazione di gruppo. Entro dodici giorni, oltre 10.000 avevano aderito a questo viaggio online gratuito di quattro mesi e un team globale di oltre 100 volontari aveva iniziato a co-creare, in cinque lingue diverse, una suite di eventi di deep learning per i partecipanti di tutto il mondo. Il 27 marzo abbiamo lanciato GAIA con una serie di eventi di una giornata, tra cui input di inquadramento, pratiche di ascolto profondo, piccoli gruppi di breakout, calma intenzionale, journaling riflessivo, performance di musica dal vivo e “risonanza dell’immagine sociale”.

Tutto ciò è accaduto senza troppe pianificazioni e ritardi — anche senza un budget reale. Gli eventi che di solito richiedono un anno per pianificare improvvisamente sono diventati fattibili in poche ore e giorni …

· Sappiamo che la nostra attuale civiltà non è sostenibile. Sta per colpire il muro. In effetti, sta già colpendo il muro. E quel processo di collasso si approfondirà drammaticamente se non cambiamo direzione.

· Vogliamo far parte di una diversa storia del futuro. Vogliamo contribuire a reindirizzare dove stiamo andando come società.

· Non so come …

Sia che si parli con amministratori delegati e dirigenti di piccole o grandi aziende, produttori di movimenti di base, funzionari del governo (privatamente) o capi di dipartimento di grandi istituzioni internazionali, tutti sanno che ciò che stiamo facendo ora non è sostenibile. Individualmente, quasi tutti vogliono qualcosa di diverso. Eppure collettivamente, continuiamo a produrre gli stessi risultati, che si manifestano nell’approfondimento delle tre principali divisioni del nostro tempo: il divario ecologico (la disconnessione tra sé e la natura), il divario sociale (la disconnessione tra sé e l’altro) e il divario spirituale (la disconnessione tra sé e sé).

Questo è il nostro momento attuale. I dieci punti che seguono sottostanti affinano e sviluppano ulteriormente le osservazioni che ho iniziato a descrivere nel mio post sul blog di marzo.

1. Tutto ciò che sapevamo non era sostenibile, ora sta crollando

Nelle ultime settimane abbiamo visto cieli blu su Pechino (almeno per un po ‘) e cieli blu su molti altri focolai della produzione industriale. È quasi come se, come suggerito da diversi osservatori, Madre Natura ci avesse mandato nelle nostre stanze per pensare a ciò che stiamo facendo a lei, agli altri e a noi stessi. Ci è stato concesso un time-out come specie! Quali insegnamenti chiave possiamo trarre da questo momento collettivo?

2. Crescita: al collasso dei sistemi, le persone crescono

3. Connessione: siamo un sistema

4. Una nuova superpotenza: azione collettiva basata sulla consapevolezza (ABC)

Nelle ultime tre settimane, abbiamo quasi miracolosamente trasformato il nostro comportamento collettivo su scala planetaria. La quantità di disinfezione, lavaggio delle mani e distanziamento sociale a casa e negli spazi pubblici è sbalorditiva. Nell’arco di tre settimane, quasi tutta la popolazione mondiale è stata in grado di concentrarsi su un singolo problema. Questa attenzione collettiva dell’attenzione ha iniziato a dissolvere molti degli ostacoli che di solito impediscono un profondo cambiamento. In pochi giorni e settimane, come specie, abbiamo effettivamente cambiato il nostro comportamento collettivo. Abbiamo mobilitato enormi risorse per combattere la diffusione del virus. E stiamo formando nuovi modelli di collaborazione senza precedenti tra istituzioni e comunità. In breve: l’energia segue l’attenzione. Innanzitutto, applichiamo la nostra attenzione collettiva alla sfida attuale, quindi sviluppiamo interventi che trasformano con successo il nostro comportamento collettivo, che a sua volta piega la curva. In breve, nel momento in cui focalizziamo la nostra attenzione globale su un singolo problema, non c’è nulla che non possiamo fare.

Siamo in grado di appiattire la curva perché siamo in grado di ripiegare il raggio di attenzione collettiva sul nostro comportamento e su come influenza il benessere del resto dell’umanità.

“Piegare la curva” significa trasformare le regole che di solito governano il nostro comportamento collettivo — che è precisamente la differenza tra le scienze naturali e le scienze sociali che la maggior parte delle persone non capisce: nelle scienze naturali le leggi della fisica rimangono le stesse. Se focalizzi la tua attenzione sul piegare un cucchiaio, il cucchiaio rimane lo stesso. Nelle scienze sociali, tuttavia, abbiamo il potere di piegare la curva; possiamo cambiare le “invarianze” che regolano il nostro comportamento focalizzando la nostra attenzione e consapevolezza su di esse. In tal caso, metaforicamente parlando, possiamo piegare il cucchiaio. Questo è esattamente ciò che stiamo attualmente facendo collettivamente per combattere il virus. Stiamo piegando la curva. Come? Ripiegando il raggio di attenzione collettiva su noi stessi, comprendendo che il nostro comportamento (ad esempio, il distanziamento sociale) contribuisce all’appiattimento della curva, al benessere di tutti. Questa, a mio avviso, è la nuova superpotenza in atto: l’ascesa di un nuovo modello di azione collettiva che opera da una consapevolezza del tutto: Awareness-Based Collective Action (ABC).

È un modello di azione che è familiare a molti di noi, ad esempio quando affrontiamo sfide dirompenti nelle nostre famiglie o comunità. Cosa facciamo? Ci uniamo. Ci teniamo l’un l’altro. Prestiamo attenzione congiuntamente a ciò che sta accadendo.

E poi, una volta che vediamo insieme, tutti fanno semplicemente ciò che deve essere fatto. Spesso senza coordinamento centrale. Senza governance formale. Spontaneamente. Coordinato dal vedere insieme — da una consapevolezza condivisa del tutto. Questa è la magia.

Spesso vediamo questo tipo di risposta nelle comunità locali. Lo vediamo meno spesso a livello e scala nazionale. E raramente lo vediamo a livello globale. Ma a volte lo facciamo, come nel caso dell’Accordo sul clima di Parigi. Il “cucchiaio” inizia a piegarsi quando spostiamo il nostro modo di agire da un modo di operare a un altro — dal sistema dell’ego alla consapevolezza dell’ecosistema.

Figura 1: Piegare la curva Piegando il raggio di attenzione: integrazione di tutti e quattro i livelli di cambiamento — grafica di Kelvy Bird

La Figura 1 riassume queste idee dal punto di vista del pensiero sistemico. L’appiattimento della curva ci impone di affrontare la situazione di Covid-19 non solo reagendo al livello 1 (costruendo ICU, bloccando l’attività sociale ed economica), ma anche a livelli più profondi: riprogettando politiche e programmi (non funzionanti) per i test, tracciamento, isolamento e distanza sociale (livello 2); riformulando il modo sottostante di vedere il mondo dalla separazione all’interconnessione (livello 3); e rigenerando le fonti più profonde da cui operiamo, passando da una focalizzazione o consapevolezza del sistema dell’Io che ruota attorno al nostro benessere a una consapevolezza dell’ecosistema che ruota attorno al benessere di tutti — tutti gli esseri (livello 4 ).

Allora, qual è la prossima superpotenza emergente? È la nostra capacità di ripiegare il raggio della nostra attenzione su noi stessi — sia individualmente che collettivamente; prendere coscienza delle regole che regolano il nostro comportamento collettivo; e piegare o trasformare queste regole come le circostanze richiedono. Nessun’altra specie sulla terra può farlo. È ciò che ci rende umani.

5. Fallimenti sistemici: grande governo, grande mercato, big data

Ma cosa sta succedendo a livello istituzionale? Due cose. Vediamo un’enorme quantità di sofferenze inutili che colpiscono in modo sproporzionato le persone più vulnerabili.

E vediamo un enorme fallimento istituzionale collegato a questi problemi, in particolare il fallimento delle tre istituzioni che di solito sono celebrate per i loro successi: grande governo, grande impresa e big data / grande tecnologia.

Grande governo: anche se molti esperti sostengono che la crisi del corona dimostra che un governo grande e centralizzato è la chiave del successo, non sono d’accordo. Casi in questione: guardare la Russia, l’India o la Cina durante i primi due mesi e il governo federale degli Stati Uniti negli ultimi tre mesi. Vedi un panorama di grave fallimento istituzionale. Un’immagine di politici al centro che sono in gran parte fuori dal mondo. Ma che dire della Corea del Sud, di Singapore, di Hong Kong, di Taiwan e della Germania, e dei governatori degli Stati Uniti la cui risposta è stata onesta, puntuale e proattiva? Sì, questi sono eccellenti esempi di governance competente. Ma nessuno di questi paesi o stati ha un governo super-centralizzato. Hanno un governo nazionale agile in un paese più piccolo o un governo decentrato e decentrato nel caso dei singoli stati tedeschi e statunitensi. Quindi, un governo centralizzato può aiutare in una pandemia IF — e solo se — c’è una leadership competente al centro. Se hai un’amministrazione in stile Trump, un governo centralizzato diventa la tua principale debolezza. Al contrario, il caso tedesco dimostra che se si creano alleanze coerenti di istituti di ricerca semi-pubblici, stati, ospedali e cittadini, questi ecosistemi interdipendenti di operatori sanitari regionali possono lavorare insieme sorprendentemente bene. Quindi, sì, un governo agile ed efficace è cruciale. Ciò non significa che una maggiore centralizzazione sia sempre migliore.

Grandi affari: quando fai doppio clic sul motivo per cui un Paese potente come gli Stati Uniti non può rispondere efficacemente a una pandemia come questa, un problema alla radice diventa rapidamente ovvio: la concorrenza. L’idea di base della concorrenza è quella di combatterla sul mercato. Gli Stati competono tra loro per equipaggiamento protettivo e ventilatori. Aggiungete a ciò la complicata burocrazia dei Centers for Disease Control (CDC) che ha impedito agli stati di sviluppare i propri test. La scorta nazionale di ventilatori non è sufficiente perché il fornitore di medie dimensioni che è stato contratto per produrre in serie ventilatori semplici ed economici molti anni fa è stato acquisito da una gigantesca azienda di apparecchiature mediche non interessata alla produzione di questi dispositivi perché così facendo si sarebbe mangiato flussi di entrate. Il problema alla radice qui è che la salute e l’assistenza sanitaria non sono solo prodotti di base; non sono solo un altro mercato. Questo pone la domanda: “La salute e l’assistenza sanitaria dovrebbero essere organizzate da un diverso tipo di impresa, guidata da una missione sociale anziché dal profitto?”

Big data: per anni titani della Silicon Valley come Mark Zuckerberg si sono presentati come salvatori, supereroi che potevano risolvere i problemi globali in modo più efficace di qualsiasi governo o altra istituzione. OK, ora che abbiamo un vero problema tra le mani, dov’è la risposta della Silicon Valley? Il silenzio e la mancanza di immaginazione della Silicon Valley da quando il mondo è stato bloccato sta diventando ogni giorno più forte. Sì, utilizziamo alcune delle loro tecnologie, come i meravigliosi servizi di Zoom, per organizzare e connettersi. Ma sono le persone: persone nell’istruzione, persone negli affari, persone nel governo, persone nella società civile — che fanno funzionare queste tecnologie. Tuttavia, sappiamo anche dall’Asia orientale che i Big Data possono essere una parte importante della soluzione. Questa conoscenza porta a una domanda ovvia: “Come possiamo fare in modo che i Big Data servano tutti noi, il benessere di ogni comunità, locale e globale?” Ciò significherebbe democratizzare la proprietà e l’uso dei dati.

Il fallimento di Big Government, Big Business e Big Tech è collegato allo stesso problema di fondo: quando sono gestiti con una mentalità di disconnessione e consapevolezza del sistema ego (competizione e costruzione dell’impero) piuttosto che una mentalità di interconnettività ed eco- consapevolezza del sistema, poi si finisce con un governo che impiega sei settimane per rispondere a una pandemia, anziché tre giorni; finisci con un fornitore di attrezzature mediche che mette i profitti davanti alla salute pubblica; finisci con aziende di Big Data che mettono profitti e il potere di manipolare il comportamento collettivo prima di dare potere alle società e ai cittadini di democratizzare l’uso dei propri dati. Tre forme di fallimento istituzionale. Un problema alla radice.

6. Rotture: in caso di rotture, è necessario svegliarsi

Come possiamo imparare ad essere completamente svegli di fronte a qualcosa che non ha precedenti?

Come possiamo accorciare la fase di sveglia da sei settimane a tre giorni, da tre giorni al momento stesso della visione, fino ad ora?

La chiave per abbreviare i tempi di risposta è smettere di “scaricare” (fare downloading), ovvero smettere di reagire con schemi di pensiero abituali. Questa è la prima parte del risveglio.

7. Scelta: al risveglio, abbiamo una scelta

Figura 2: due cicli, due campi soFigura 2: due cicli, due campi sociali: la presenza e l’assenza — grafica di Kelvy Birdciali: la presenza e l’assenza — grafica di Kelvy Bird

La Figura 2 delinea la dinamica di ciascuna risposta. Essere umani significa operare tra questi due campi sociali: il campo dell’assenza in cui si mette in atto un ciclo di disconnessione, presenza disincarnata e autodistruzione; e il campo della presenza in cui mettiamo in atto un ciclo di connessione approfondita, presenza incarnata e co-creazione — che consente a qualcosa di nuovo di nascere attraverso di noi.

8. Reinventare la nostra civiltà: nuove infrastrutture di innovazione

La Figura 2 delinea la dimensione individuale dei due campi sociali: la presenza e l’assenza. Oggi ci sono molte prove di entrambi questi campi nelle società. E possiamo vedere molti esempi di entrambi questi cicli nella risposta alla pandemia. Quale domina i titoli e la conversazione pubblica? Quale domina i nostri feed sui social media? Tende ad essere il ciclo dell’assenza, il ciclo dell’autodistruzione. Soprattutto negli ultimi anni, abbiamo visto un enorme slancio in queste dinamiche a livello globale. Perché è così?

Credo che due fattori giochino su questo: (1) l’influenza dei “soldi oscuri” in politica, i soldi provenienti da gruppi di interesse speciale come Big Banking, Big Tech, Big Oil, Big Pharma e Big Agriculture; e (2) l’influenza tossica dei social media come Facebook. Sebbene sia un importante mezzo di connessione per molti di noi, Facebook e altri social media operano secondo un modello di business che massimizza le entrate pubblicitarie, che a sua volta richiede di massimizzare il coinvolgimento degli utenti, che è meglio realizzato attraverso algoritmi che attivano le emozioni di odio, rabbia e paura da parte dei suoi utenti. Mentre queste società hanno creato fortune per proprietari come il signor Zuckerberg, hanno anche causato dolore in molte persone e minato le basi delle nostre democrazie.

Il che ci porta all’ovvia domanda: come possiamo nutrire e rafforzare le molteplici iniziative del seme che fanno parte del ciclo della presunzione? Per nutrire questi semi, credo che dobbiamo creare tre nuovi tipi di infrastrutture di innovazione sociale (vedi figura 3):

Figura 3: Tre infrastrutture di innovazione: apprendimento, democrazia, economia — grafica di Kelvy Bird

· Nuove infrastrutture di apprendimento che collegano testa, cuore e mani (apprendimento dell’intera persona). Gli esempi includono l’apprendimento dell’azione e le iniziative di apprendimento dell’intera persona sia negli istituti di istruzione che al di fuori di essi come u.lab o School For Transformation che cerchiamo di prototipare con il viaggio GAIA.

· Nuove infrastrutture democratiche che rendono i nostri processi di governance più diretti, più distribuiti, più diversi e più dialogici. Esempi qui includono le assemblee dei cittadini sull’azione per il clima (in alcuni casi combinate con un referendum sui risultati proposti) in quanto sta già iniziando a verificarsi in un numero crescente di paesi, tra cui Francia, Scozia, Inghilterra, Spagna e Germania.

· Nuove infrastrutture economiche che spostano il focus principale dell’attività economica dalla consapevolezza del sistema ego alla consapevolezza dell’ecosistema — da me a noi. Esempi qui includono i vari “punti di agopuntura” per trasformare il capitalismo in modi che ricollegano il coordinamento e la governance dell’attività economica con la consapevolezza e l’intenzione umana a tutti i livelli di scala (vedere l’evoluzione della governance illustrata nella figura 4 di seguito).

La cosa così interessante della situazione attuale è che molte di queste cose, che sembravano impossibili solo poche settimane fa, sembrano ragionevoli oggi e stanno iniziando a essere implementate in un modo o nell’altro. Negli Stati Uniti, l’unico paese sviluppato senza assicurazione sanitaria universale, il riconoscimento sta costruendo che l’assistenza sanitaria universale è una necessità sistemica. Lo stesso vale per l’economia. Mentre l’idea di un reddito di base universale (UBI) solo un paio d’anni fa è stata vista come inverosimile e oscura, due settimane fa l’intero Senato degli Stati Uniti ha votato a favore di dare un assegno a quasi tutti i cittadini, almeno una volta. Abbastanza sorprendente. Allo stesso modo, il suggerimento di iper-localizzare i nostri cicli alimentari dieci anni fa sembrava un’idea lontana. Oggi, in particolare nelle ultime settimane, abbiamo già assistito a un’enorme ondata di iper-localizzazione dei nostri cicli alimentari. Un altro grande cambiamento che vediamo in corso è in termini di ripensamento della struttura della salute pubblica in termini di pianeta: mettere la salute e il benessere planetari al primo posto nella nostra definizione di ciò che un buon sistema sanitario sta cercando di fare.

Mentre la nostra economia si è fermata, molti di noi hanno iniziato a chiedersi alcune altre cose: perché le persone che ora chiamiamo “sistemicamente rilevanti” o “lavoratori essenziali” sono spesso le meno pagate — infermiere, braccianti agricoli, camionisti, controllori di negozi di alimentari — mentre quelli con lavori che non aggiungono valore o sottraggono valore dall’insieme — ad esempio, quelli che gestiscono i meccanismi destabilizzanti del capitalismo di casinò finanziato — tornano a casa con osceni livelli di compensazione? Ancora una volta, come è potuto succedere? Come potremmo tenere una conversazione pubblica sul ripensare e rimodellare i fondamenti della nostra economia?

E se applicassimo i nostri superpoteri non solo alla flessione della curva C19, ma anche alla riconciliazione dei nostri sistemi economici come entità progettate per colmare le divisioni ecologiche e sociali? Che serva il benessere di tutti gli esseri? E se applicassimo i nostri superpoteri alla riconciliazione dei nostri sistemi democratici come entità che colmano il divario politico, rendendo la conversazione democratica nelle nostre comunità più diretta, più diversificata e più dialogica? Che cosa succede se applichiamo i nostri superpoteri all’apprendimento del riconcepimento come attività che colma il divario spirituale che ci separa dalle nostre fonti di creatività e dalle migliori potenzialità future?

9. Ecosistemi co-creativi: aggiornamento dei nostri sistemi operativi

figura 4: Quattro fasi di evoluzione dei sistemi, quattro sistemi operativi — immagine di Kelvy Bird

La Figura 4 evidenzia tre problemi principali. Uno, non è possibile risolvere le “sfide 4.0” con meccanismi di risposta radicati nei sistemi operativi 2.0 e 3.0. Ma questo è esattamente ciò che accade nella maggior parte dei sistemi la maggior parte delle volte. Due, se provi a spostare la tua organizzazione nel regno operativo 4.0, ti rendi conto che nessuno può farlo da solo. Hai bisogno di un intero ecosistema di partner. E tre, la situazione C19 ha notevolmente accelerato l’urgenza dell’agenda 4.0:

· Apprendimento: gli spazi per l’apprendimento profondo non sono mai stati più richiesti.

· Salute: rafforzare le fonti di salute per le persone e il pianeta è esattamente ciò che richiede la situazione attuale.

· Cibo e agricoltura: il cibo come mezzo per curare il pianeta e la sua gente. Questa è l’idea dell’agricoltura rigenerativa, che è stata potenziata dalle fattorie legate all’agricoltura locale supportata dalla comunità (CSA).

· Sostenibilità aziendale: le imprese guidate dalla missione sono ciò che tutti cercano, ma sono ancora una specie piccola e “in via di estinzione”.

· Finanza: finanza rigenerativa e mista che fornisce risorse per evolvere e trasformare il sistema. L’intero settore finanziario sembra essere in un profondo punto di flesso, passando da modalità operative cieche agli impatti.

· L’azione collettiva basata sulla consapevolezza è il seme di una nuova forma di coordinamento e governance basata sulla consapevolezza che sta già mettendo radici in molti luoghi.

La chiave per trasformare la nostra civiltà, credo, risiede nella nostra capacità di piantare e coltivare questi campi per un’azione co-creativa che nasce dalla consapevolezza condivisa. Sono questi semi che attiveranno le superpotenze dormienti di un movimento emergente.

Una volta che questi campi sociali generativi inizieranno a crescere, si svilupperanno organicamente da soli, e se la fortuna è dalla nostra parte funzioneranno come una “pista di atterraggio” per ulteriori possibilità concrete che stanno cercando di emergere.

La nascita e la rapida attuazione dell’idea GAIA sono una buona dimostrazione del potere di questi principi. Questi sono i campi del futuro che dobbiamo coltivare.

10. Cosa possiamo fare ora: seminare la “superpotenza nella creazione”

Questa, in poche parole, è l’intenzione del viaggio GAIA: aiutare a coltivare il suolo; seminare, sostenere e attivare ulteriormente questo movimento di risveglio, ora.

Siete invitati a partecipare a gaiajourney.org.

Leggi l’articolo di marzo.

Leggi il blog di Antoinette.

Scarica gratuitamente il capitolo: Essentials of Theory U

Voglio ringraziare i miei colleghi Antoinette Klatzky, Sarina Bouwhuis, Marian Goodman, Zoë Ackerman, Katrin Kaufer e Rachel Hentsch per aver commentato la bozza di questo articolo, e Kelvy Bird per aver creato le immagini per questo articolo.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store